Campi Estivi per i gruppi parrocchiali

Alcuni racconti delle esperienze estive 2014

 

LOURDES : un’esperienza di fede e non solo...

di Giacomo Dorio

"Vai e non te ne pentirai". Sono queste le parole che ci sentiamo dire quando dobbiamo affrontare una nuova esperienza, un nuovo viaggio, una nuova avventura. Ecco, quel "vai e non te ne pentirai" me lo sono sentito dire anch’io come tutti quelli che assieme a me affrontavano per la prima volta il viaggio a Lourdes. Solitamente si pensa di andare là solo per vedere la grotta e pregare o solo per portare l'acqua a casa come ricordo. Questa è però l'avventura che si vive quando si va a Lourdes da soli. Invece l'esperienza di volontariato che io e altri sei giovani di Montegrotto abbiamo vissuto dal 1 luglio al 7 luglio è stata qualcosa di molto più grande proprio perché l’abbiamo vissuta in gruppo.

Un "gruppo", l’Unitalsi, che forse è più di un gruppo, è una "famiglia", con uno scopo: mettersi con umiltà al servizio dei più bisognosi, cioè degli ammalati. Ci sono delle frasi bellissime che si imparano nel corso dell'esperienza: "l’unico ritmo di vita che bisogna seguire quando si vivono esperienze come queste è quello dei più bisognosi"; oppure: "A volte si impara di più da chi non è capace a camminare rispetto invece da chi cammina". Il volontario che assiste l’ammalato non è "il forte che aiuta il più debole". L'ammalato non è affatto un debole, è più forte di quello che si possa pensare.

È una persona saggia che in cambio dell’aiuto ricevuto esprime la sua gratitudine con un semplice "grazie" o con altre parole che ti fanno sentire soddisfatto del servizio che hai svolto. A Lourdes riesci a stabilire due tipi di legami: uno fortissimo con le persone che ti stanno accanto, ammalati e volontari, e uno assolutamente personale, quello con la Madonna nella grotta.
E personalmente mi è bastata un'ora, con gli occhi chiusi, inginocchiato a recitare il Rosario rivolto verso la statua, per capire perché quella grotta attragga ogni anno milioni di persone. È stata senza dubbio la preghiera più bella che io abbia mai recitato. È un'esperienza di vita che consiglio a tutti. E a chi mi chiede "A Lourdes come è andata? Potrei andarci?", rispondo: "Vai e non te ne pentirai".

La prima volta del campo 6-8 … E anche la mia.

di Andrea Bernardi (Penna)

Dal 10 al 13 luglio ha avuto luogo per la prima volta il campo 6-8 della nostra Parrocchia.
Non nascondo che prima di partire ero titubante, un po’ perché era la mia prima esperienza, un po’ perché avevo la responsabilità di 20 bambini e un po’ perché avevo paura di non farcela; ma con il passare dei giorni mi sono accorto che stava andando tutto per il verso giusto.
È stata un’avventura straordinaria, ma senza i miei compagni di viaggio non sarebbe stata tale.

Devo ringraziare prima di tutto don Paolo che mi ha dato fiducia per questo “progetto”, Cinzia che mi ha aiutato a capire come affrontarlo al meglio e i genitori del gruppo di servizio e suor Veronica per essere stati con noi.

Ringrazio i miei quattro compagni di merende, Sara, Francesco, Giorgia e Daniele con cui, oltre al duro lavoro, ho condiviso lunghe chiacchierate notturne e simpatici scherzi ai bambini.
Ultimi, ma non per ordine d’importanza, ringrazio le 20 piccole pesti che mi resteranno sempre nel cuore e che, a campo finito, mi hanno fatto quasi commuovere.
Per questo campo ho dato tanto, dalla preparazione alla realizzazione, e tanto mi è tornato indietro (la gioia negli occhi dei bambini).
Vorrei chiudere rivolgendomi a chi mi ha detto "perché lo fai? È una perdita di tempo; manco ti pagano" beh ora ho la risposta: lo faccio perché mi piace stare con i bambini, farli ridere e farli giocare e proprio perché non me ne viene niente in tasca mi piace; mi tornano l'affetto e la gioia dei bambini e questo mi basta!Vorrei chiudere rivolgendomi a chi mi ha detto: "Perché lo fai? È una perdita di tempo; manco ti pagano!". Beh, ora ho la risposta: lo faccio perché mi piace stare con i bambini, farli ridere e farli giocare: proprio perché non me ne viene niente in tasca mi piace! Il mio guadagno sono l'affetto e la gioia dei bambini e questo mi basta!

“Lasciate che i bambini vengano a me”

di suor Veronica

Quattro giorni con i bambini della 1-3 elementare a Rocca d’Arsiè: un’ esperienza indimenticabile! Una gioia profonda! Un risveglio dell’innocenza! Ma soprattutto un amore vero e sincero! Piccoli gesti, ma “grandi” e significativi! Libertà nel giocare e nello scherzare, nel ridere e nel raccontare e soprattutto nell’essere noi stessi valorizzando la nostra piccolezza!
La veglia delle stelle…. Wow… grazie, Cinzia! “Il silenzio degli innocenti”! Mi sembrava di essere in attesa di … e poi le semplici preghiere dei bambini! Che simpatici, mi commuovono. È stata la notte più bella di tutte, più brillante e che riempie il cuore con la bellezza della bontà del Creatore.

La fiducia nata da un accordo e dalla collaborazione dei responsabili! Complimenti a tutti!!!!!!!! Grazie di cuore a don Paolo, la super guida disponibile del gruppo, a Cinzia, ‘the Group Organizer’- eccezionale, a Francesco Caccia, il piccolo pinguino al quale non si poteva resistere, a Giorgia Comaron, la capretta -beee, a Sara Piovan, la bella sorridente, a Daniele Corso, il ‘forte’ Golia, e a Andrea Bernardi (Penna),  un bel ‘piccolo’ Davide. Grazie soprattutto a tutti i piccoli che sono stati i fiori più belli e le stelle più luminose del nostro campo 2014!
E i cuochi? Un grazie speciale a Barbara, Gloria, Fiorella, Gianni e Giusy e alla piccola Bene… dettaaaaaaaaaaa!
Però grazie anche alla Cipa, il pupazzo che ha colorato i nostri giorni – l’amica preferita di tutti, grandi e piccini!

Sono felice di aver vissuto quest’esperienza con tutti voi, mi avete riempito il cuore con meraviglie! Siete stati le stelle più belle e profumate in quel monte!
I piccoli sono diventati ‘grandi’ con i grandi e i grandi sono diventati ‘piccoli’ con i piccoli.
“L’AMORE CI HA FATTO UNO E UNICI FIGLI DELL’UNICO PADRE”. Che questa gioia fiorisca ogni volta che ci incontriamo e sempre!


Give me five!

Di Alessandra Chicco

Sette giorni sembrano davvero tanti: c'è chi usa una settimana per farsi una vacanza, chi per mettersi a dieta. Noi abbiamo fatto un campo scuola. E sette giorni sono volati via in un attimo!

Al campo scuola dei ragazzi tra i 9 e gli 11 anni le emozioni erano presenti e pronte ad essere... esternate!
La nostra experience è cominciata il 13 luglio, ad Arsiè. Noi animatori eravamo carichi. Dopo un anno di ACR, questo campo scuola sarebbe stato la ciliegina sulla torta, una torta deliziosa che avevamo preparato assieme ai nostri ragazzi nel corso dell'anno, ogni domenica dopo messa.

Il tema? Lo SPORT. Un argomento più vivo che mai tra noi ragazzi.

E tra record assoluti e mondiali di calcio, i ragazzi hanno seguito passo passo la storia di Sofia, Lara e Guglielmo, che unendo le forze provano ad accedere alla mitica GIVE ME FIVE, la festa che tutti gli sportivi bramano, raccontata ai nostri ragazzi con delle scenette, equivoci esilaranti e situazioni imbarazzanti. Insieme abbiamo rimarcato cinque punti fondamentali della vita di ciascuno di noi: l'UNICITÀ, perché ognuno è speciale a modo suo e può mettere a disposizione le proprie caratteristiche degli altri; il RISPETTO che noi tutti dobbiamo portare al prossimo, che ci permette di vivere in sintonia all'interno di un gruppo; perché INSIEME siamo più forti e gli ostacoli sono più facili da superare; importantissimo è l'IMPEGNO che ciascuno di noi mette, affinché tutto venga realizzato al meglio;se siamo uniti FESTEGGIARE sarà più divertente!

È stata un'esperienza coinvolgente, utile alla crescita di ciascuno di noi, con momenti che resteranno per sempre impressi nella nostra memoria! Grazie a tutti per la partecipazione, vi aspettiamo l’estate prossima… e tutto l’anno all’Acr!

Altri racconti sono pubblicati nel bollettino straordinario di Novembre 2014.

 

 

Torna in alto

Proposte e iscrizioni campiscuola 2014

Ultime notizie

Il bene che c'è tra noi

«Il bene che c’è tra noi» (cfr. Fm 6)

Leggi tutto

Per un Capodanno Alternativo

Una interessante proposta per Capodanno

Leggi tutto

NUOVO CAMMINO DI INIZIAZIONE CRISTIANA

Con la Celebrazione di Inizio dell’anno catechistico di domenica 12 ottobre,

Leggi tutto

"AFFETTIVAMENTE"

Riprende, dopo il favore dello scorso anno, il Gruppo Giovani Interparrocchiale

Leggi tutto

Sportello di consulenza per le famiglie

Nel nostro Patronato apre uno sportello per la consulenza

Leggi tutto

I GRUPPI DI RIFLESSIONE SULLA PARROCCHIA

Il Consiglio Pastorale Parrocchiale ha deciso di avviare una riflessione sulla Parrocchia,

Leggi tutto

Il Pane della Parola...

6 incontri per tutti nelle Parrocchie del nostro Vicariato di Abano sul Vangelo secondo Marco.

Leggi tutto

DOMENICHE DI AVVENTO… A MISURA DI BAMBINO

Con domenica 30 novembre, prima domenica di Avvento,

Leggi tutto

DOMENICHE DI AVVENTO…

Con domenica 30 novembre, prima domenica di Avvento,

Leggi tutto

I Centri di Ascolto

Anche in questo Avvento attiviamo i Centri di Ascolto della Parola di Dio.

Leggi tutto

Preghiera per il Natale

Per tutti i giovani e i giovanissimi del nostro Vicariato di Abano

Leggi tutto

Concorso Presepi 2014

È aperto a bambini, ragazzi, giovani, adulti, anziani,…

Leggi tutto

Premio Poesia Religiosa SAN SABINO

PREMIO INTERNAZIONALE DI POESIA RELIGIOSA SAN SABINO8a edizione – Torreglia (Padova) - Scadenza: 21...

Leggi tutto

Ritiro spirituale

Un pomeriggio per adulti, anziani… per tutti!

Leggi tutto

Visita ai presepi

È organizzata per mercoledì 14 gennaio una visita ai presepi

Leggi tutto

Grazie

Grazie da Giampaolo Masin!

Leggi tutto

Top of Page